DRECK IN DRECK OUT PDF  | Stampa |  E-mail
Venerdì 27 Settembre 2013 22:56

 

Alzi la man chi no gà mai sentido parlar de “dreck in , dreck out”? Mai sentì? Se proprio sicuri? Xe un vero pecà perchè ga a che far con tute le nostre giornade.

La prima volta che mi go sentì queste parole xe stado co iero in feriera. Dopo 3 ani de lavor in cokeria i me gaveva trasferì al “Centro meccanografico”. Cusì se ciamava l'uficio dove iera in funzion l'unico computer de tuto el stabilimento (gente, domila de lori con 1 computer, gnente mal eh?). La memoria de la machina ocupava tuto un stanzon. Per funzionar ben la gaveva bisogno de no scaldarse tropo. Ma co la iera in moto la scaldava come un fero de stiro, e iera necesario aver un impianto per rafredarla che me ga procurà tuti i dolori reumatici che gò ogi. Per meter drento i dati bisognava sbusar schede de carton, carigarghele e fargher leger i busi.
El lunedì che go ciapà servizio el novo capo me ga ciamà , come se usava, nel suo uficio, per el discorseto de pramatica. El capo se ciamava Paulini: un bon omo, con la pasion del tenis (per questo iero sta trasferì là, visto che con la racheta me la cavavo). De quel discorseto no me ricordo quasi gnente. Ma una frase si, quela me la ricordo. Col iera sul finir el me ga dito: “ La vedi sior, la impararà che el computer xe una grande machina. La fa un saco de robe, prima e meio de l'omo. Ma la se ricordi: se la ghe dà drento merda,

vien fora merda”. Tuti quei che ga lavorà là gavù questa iniziazion . Lavoravimo con la teoria del dreck in , dreck out .
Me domandarè perchè me xe vignudo in memoria sta storia e ve la conto . El fato xe che ultimamente la me vien in mente sai speso, praticamente tute le volte che go a che far con qualche uficio dela nostra publica aministrazion, a scominziar dal mio comun.

E cosa centra? dire voi. Centra, centra.
Vedè, fioi, go un'idea fisa nel zervel. Mi penso che la publica aministrazion gà superà el computer del Paulini. In quel se entrava merda vigniva fora merda, ma se entrava roba bona, roba bona vigniva fora. La publica aministrazion gà svilupà una machina diferente. Con sta machina “qualsiasi roba che entra vien fora sempre merda”. Tuto, proprio tuto, fa la stesa fine. Le più bone intenzioni, le più bele idee, una volta che un uficio statal le ga lavorado, le diventa dreck. E no pasa giornada senza che dovemo far qualche carta, qualche roba con sto genere de ufici. Proprio una vita de merda , per tuti, a scominziar da quei che lavora drento.

Ma ,devi eser ciaro , la colpa no xe de quei che lavora là.
Si, xe vero. Ghe xe anche quei che aprofita de sto andazo. Ma tuti sti smaferi ala fin fine cosa i fa ? I fa solo del mal. Gnente de più. Mia nona xe visuda quasi zento ani , xe sicuro che ela el mal lo conoseva ben. E Giovanina (cusì la se ciamava) pensava che la question no iera “chi fa del mal”. La gà provà a farmelo capir una volta che ierimo insieme a trovar mio zio Nunzio a San Giovani ( no el iera mato ma el ga fato là più de venti ani) . Vardando quei disgraziai la ga dito : “El problema no xe quei che fa del mal, ma quei che varda e no disi gnente”. Quela volta no go capì cosa la intendeva, ogi me xe più ciaro.

Si, fioi, no ne piasi ma xe cusì: xe colpa nostra.

 

 

Cerca