RIFIUTI A MUGGIA

Di rifiuti a Muggia se ne producono quasi 20.000 ton  all'anno;
ognuno di noi produce in media 524 kg di  rifiuti solidi urbani ogni anno, praticamente 1.5 kg al giorno.
Sono 1.800 ton di carta e cartone, 880  di plastica,  350 di vetro, 220 di metalli , 90 di legno.
Materie prime  e materiali preziosi che si potrebbero facilmente riciclare.
Per rendersi   più facilmente conto  della situazione, basta dire che solo di  carta e cartone mandiamo all'incenerimento l'equivalente di un bosco di 200 ettari ogni anno.

LE CATTIVE ABITUDINI  E  LE LEGGI NON RISPETTATE

Quando parliamo di rifiuti, lo facciamo solo ed esclusivamente per cercare il modo più veloce per allontanarli dalle nostre case.  Non importa dove o come, l’importante è che i rifiuti stiano lontano dalle nostre abitazioni. Comprare, consumare, buttare, ricomprare in una spirale senza fine.
Uno stile di vita, aiutato da una tecnologia dissipativa, che produce un impatto devastante in termini di riduzione e inquinamento delle risorse vitali terrestri: l’acqua, l’aria e la terra.
E, mentre la UE e anche l'Italia si sono date norme condivisibili sullo smaltimento - come l'obiettivo 65% di raccolta differenziata entro il 2012  -  poco o nulla viene fatto per dare concreta applicazione alle Direttive comunitarie e alle Leggi italiane.
Per i nostri Amministratori , che delle leggi evidentemente non sanno che farsene, non la Raccolta Differenziata ma gli inceneritori di Rifiuti Solidi Urbani con recupero di energia, detti anche termo-valorizzatori, sono "LA" soluzione al problema dei rifiuti.
Al riguardo guarda il REPORT INCENERITORI.

L'OBIETTIVO DI IMPRONTALA RACCOLTA DIFFERENZIATA
                                                       SPINTA PORTA A PORTA

Sono più di mille i Comuni italiani ad effettuare la Raccolta Differenziata spinta porta a porta.
E molti tra i più virtuosi sono del vicino Veneto con percentuali attorno all'80% .
Siamo così pigri da non poter cambiare abitudini ? E' tempo di farlo .

1)  RIDUZIONE - Il miglior rifiuto è quello non prodotto.
2)  RACCOLTA DIFFERENZIATA - separiamo tutto.
3)  RIUSO E RIPARAZIONE - non più rifiuto, ma "materiale post-consumo".
4)  RICICLO
5)  Non più una tassa rifiuti ma una tariffa.
Il principio è "chi inquina paga"; meno si butta meno si paga.

Come vi dimostriamo nel REPORT INCENERITORI , inquineremo e pagheremo meno.

Scarica Report inceneritori   
Scarica Azione rifiuti   
Scarica Lester Brown - L'economia usa e getta non funziona  

 

 

Cerca